Anonimo: Sei di Brescia?

No, provincia di Cremona. Andrò a Brescia all’università.

"The hardest part about walking away from someone is the part where you realize that, no matter how slowly you go, they will never run after you."
-Unknown (via onlinecounsellingcollege)

(via profumoimpresso)

//

La verità è che fin da piccola volevo fare medicina. Guardavo ER e mi pensavo tra le corsie di qualche ospedale importante, in una metropoli. Ed era tutto perfetto, anche se so benissimo che la realtà non è così.
Ma non ce l’ho fatta, non ho passato il test e non sarò un medico. Niente scelta difficile tra psichiatria o medicina legale, niente ER o Grey’s Anatomy. Niente stipendio da sogno. Ma soprattutto niente desideri. Vuoto di interessi, solitudine e sensazione costante di aver sbagliato tutto. Perché potevo ripiegare su facoltà scientifiche che mi preparassero ancora, come biologia o farmacia; ma io, stupida cretina, non volevo ripiegare su qualcosa che mi avrebbe costretto a riprovare medicina, per paura di fallire ancora.
Così ho deciso di sprecare la mia estate a studiare per Ingegneria Biomedica, ripiego più che ottimo, per poi arrendermi al fatto che non sono una persona intelligente e non sarei mai in grado di finirla.
A fine agosto riconosco i miei limiti, quando è troppo tardi per studiare qualsiasi cosa. E finisco a Economia, che non mi interessa per niente, che non è male ma ancora peggio mi è indifferente, perché non sono stata in grado di prepararmi prima.
Sono stata una stupida, e adesso ne pago le conseguenze per la vita.
Inutile immaginarmi medico se non ho nemmeno le capacità per diventarlo.

Sento il peso delle scelte sbagliate già in partenza. Avevo grandi progetti ma sto rovinando tutto.

credit